Quale è la differenza tra trapunta, piumino e copripiumino? Tutto quello che c’è da sapere

Diciamoci la verità, chi è che non ama la sensazione di avvolgersi in una coperta o mettersi sotto un morbido piumino o distendersi su un copripiumino per rilassarsi a fine giornata? Beh, penso che la risposta sia “proprio nessuno”! Spesso però è facile confondersi tra trapunta, coperta, copripiumino e si rischia di non farsi capire quando ci si reca in un negozio oppure si fanno ricerche sul web.

Le trapunte (conosciute anche come piumoni) sono caratterizzati da fantasie a quadri o a croce e nascono dalle coperte fatte a mano nei tempi antichi. Sono composte solitamente da tre parti: tessuto esterno, fodera interna e l’imbottitura. In poche parole, è una sorta di coperta imbottita.

Il piumino invece è un’imbottitura ripiena di piume d’oca o di fibre in poliestere, molto in voga nel Nord Europa, dove in effetti affonda le sue origini. E’ solitamente di colore bianco. Si tratta appunto di qualcosa di “nudo” che va ricoperto con un tessuto. E qui entra in gioco il copripiumino che è appunto il sacco dove si va a inserire il piumino. E’ generalmente realizzato in cotone o in microfibra.

Quale scegliere

Diciamo che non c’è un migliore e un peggiore. E’ una scelta di tipo soggettivo. Le trapunte sono adatte a chi ha gusti più sobri ed eleganti o un arredamento rustico e tradizionale. Inoltre le trapunte vanno sistemate con le lenzuola.

I piumini invece sono caratterizzati dall’estrema morbidezza, da fantasie anche più moderne e dall’utilizzo semplificato molto dal fatto che non necessitano per forza di lenzuola sottostanti.

C’è poi la questione della praticità e della pulizia. Le trapunte spesso sono molto pesanti e lunghe e hanno bisogno di essere portate a lavare in lavanderia. Oppure bisogna addirittura lavarle solo a secco. Invece i copripiumino sono lavabili tranquillamente nella lavatrice di casa propria. Così come facciamo con le lenzuola.

Com’e fatta la trapunta

Come già anticipato, la trapunta è composta da:

  • tessuto esterno decorativo in poliestere, cotone o jacquard che può essere monocromatico o oppure con fantasie varie;
  • fodera interna realizzata in tessuto tecnico ma anche morbido in quanto dovrà essere a contatto con il nostro corpo (come ad esempio il nylon);
  • imbottitura che potrà essere dalle piume d’oca alla lana alle fibre sintetiche.

Tutti questi strati la rendono spesso parecchio pesante e anche poco traspirante.

Anche se ormai sono molto diffuse le cosiddette trapuntine, disponibili sia per letti singoli che matrimoniali, che conservano la caratteristica cucitura a losanghe ma sono più leggere ed economiche (si parte da 10 euro) e sono di solito realizzate in microfibra. Sono una sorta di versione moderna delle trapunte e sono molto comode da usare e da lavare (anche se spesso non riscaldano granchè e si utilizzano a mo’ di copriletto).

Il vantaggio delle trapunte è che sono molto lunghe quindi le possiamo usare per ogni tipo di letto, basterà infilarle per bene sotto il materasso. Inoltre possiamo anche lavarle (o farle lavare) una volta l’anno, quando facciamo il cambio di stagione, dato che ad entrare veramente in contatto con noi sono le lenzuola che, invece, laveremo spesso.

Il piumino e il copripiumino

Il piumino è caratterizzato dall’essere composto da materiali di qualità, non essendoci tanti strati a “interferire”. Risulta essere quindi un prodotto:

  • traspirante
  • morbido
  • leggero

Sono infatti in molti a sceglierlo. Grazie al copripiumino, viene facilmente protetto dagli agenti esterni e si mantiene pulito. Come abbiamo visto, sarà poi possibile lavare spesso il copripiumino in modo da debellare lo sporco e i cattivi odori eventualmente presenti.

Mentre poi la trapunta è unica e dunque dovremo sceglierla bene per poterla abbinare alla stanza e alle lenzuola, con il piumino non avremo di questi problemi perchè potremo acquistare più copripiumini di diverso colore e fantasia. Un po’ come siamo soliti fare con i cuscini, ecco.

I piumini poi, contrariamente alle trapunte che hanno solitamente un’imbottitura già prestabilita sui 300 g/mq, i piumini possono avere differente grammatura di imbottitura.

Una valida alternativa: le termocoperte

Per chi è molto indeciso tra piumino e trapunta oppure ha desiderio di qualcosa di nuovo, il nostro consiglio è di orientarsi verso l’acquisto di un coperta termica o termocoperta.

Non ne avete mai sentito parlare prima o solo di sfuggita? Beh, questa è un’occasione per approfondire e avere tutte le info al riguardo. Si tratta di coperte (o trapunte, se le volete chiamare così) che sembrano “normali” all’apparenza ma che in realtà sono dotate di un cavo elettrico interno che poi, collegato alla presa di corrente più vicina, andrà a generare calore e dunque avrà funzione riscaldante.

Fantastico vero? Ad un prezzo più che ragionevole, avrete la possibilità di risparmiare rispetto ad accendere i termosifoni. L’utilizzo poi è semplicissimo. Vediamolo nel dettaglio.

Come funzionano le termocoperte

Come abbiamo detto, sono dotate di un cavo che andrà collegato ad una presa di corrente. Ma come si fanno a far funzionare? Grazie al comando o commutatore che è presente in tutti i modelli, anche quelli basic ed economici.

Il comando ci permetterà di accendere, di spegnere e anche di gestire eventuali anche optional. In primis la possibilità di regolare la temperatura secondo vari livelli che vanno da un minimo di 2 ad addirittura 10 livelli che troverete nei modelli più costosi.

Nei modelli matrimoniali poi potrete trovare ben due comandi così ognuno della coppia potrà gestire in tutta autonomia la temperatura della propria zona del letto.

Vi consigliamo di accendere la termocoperta una mezz’oretta prima di mettervi a letto. In questo modo, una volta che vi infilate sotto le lenzuola, potrete trovare il letto già bello caldo! Alcuni decidono di tenere la termocoperta accesa tutta la notte ma in realtà, anche per una questione di risparmio sui consumi, non è affatto necessario. Potrete spegnerla poco prima di addormentarvi.

I vantaggi della termocoperta

Nella “battaglia” tra trapunta e piumino, la termocoperta potrebbe essere “il terzo incomodo” che però offre vantaggi da tenere in considerazione.

E’ calda e accogliente, facile da usare e disponibile in vari tessuti (lana, cotone, flanella, pile, poliestere). Ha anche vari optional che renderanno ancora più semplice la sua gestione.

Si può trovare facilmente nei negozi di articoli per la casa o di elettrodomestici, oppure potrete acquistarla online dove è possibile visionare e confrontare i vari modelli, prezzi e marche. Dal punto di vista del costo, ha una flessibilità tale che può andare incontro ad ogni tipo di tasca ed utenza.

E’ poi un prodotto sicuro provvisto di certificazioni europee e si può lavare facilmente, così come avviene con i copripiumini. Dunque va a incrociare le qualità sia della trapunta che del piumino.

Facile da lavare

E’ bene sottolineare questa caratteristica dato che, come abbiamo visto quando abbiamo parlato della differenza tra piumino e trapunta, è sorta come elemento fondamentale da considerare.

Sempre leggendo prima le istruzioni del nostro modello, possiamo dire in linea generale che le coperte termiche si possono lavare sia a mano che in lavatrice.

In lavatrice andremo a lavarle a 40° con un programma per capi delicati, per il lavaggio a mano utilizzeremo una bacinella con acqua fredda/tiepida e sapone neutro. Se è semplicemente macchiata, potrete usare lo spray per la pulizia a secco sulle macchie e strofinare per bene.

Modelli, marche e costi

Sono disponibili in commercio sia termocoperte singole che ad una piazza e mezza che matrimoniali. Come prezzi siamo tra i 20 e gli 80 euro per i modelli singoli mentre il costo di quelli matrimoniali può arrivare anche a 100-150 euro.

Le marche che vi possiamo consigliare per l’ottimo rapporto qualità prezzo sono Imetec, MaxKare, Medisana, Klarstein.

 

Mi chiamo Roberta ed ho una grande passione per la scrittura. Ho studiato cinema e svolgo varie collaborazioni con realtà audiovisive. Sono curiosa e mi piace affrontare ogni argomento raccontandolo con semplicità e entusiasmo. Mi appassionano il mondo della tecnologia, della natura e quello della casa.

Back to top
menu
Trapunte e Coperte Termiche