Meglio una trapunta in cotone o in lana? Info, differenze, pro e contro

Di lana o di cotone? Qual è la trapunta migliore? Uno dei primi dubbi da sciogliere quando stiamo per acquistare questo capo è la scelta dei materiali. Se abbiamo circoscritto il campo delle opzioni a questi due tipi, abbiamo già scartato tutto quel ventaglio di proposte che viene dalle trapunte sintetiche. Lana e cotone infatti sono due tessuti naturali e indubbiamente quelli più usati. L’una non equivale all’altro. Tra di loro, infatti, ci sono diverse differenze. Ma chi vince nel confronto tra i due?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo capire prima di tutto come nascono, come sono composti e quali sono le caratteristiche di ciascuno. Di seguito una piccola guida con tutte le indicazioni per consentirvi di individuare quale tra i due tipi di trapunta fa al caso vostro:

  • Differenze
  • Vantaggi del cotone
  • Svantaggi del cotone
  • Vantaggi della lana
  • Svantaggi della lana
  • Pulizia e cura

Andiamo quindi a vedere nel dettaglio i pro e i contro dei due tessuti per capire come si comportano sulla trapunta che stiamo per acquistare.

Differenze

La prima è proprio nella loro origine: la lana deriva dagli animali, filando il pelo di pecora, capra, coniglio, alpaca e cammello. Il cotone, invece, è di tipo vegetale in quanto si ottiene dalla bambagia che avvolge i semi delle piante Gossypium che nascono in paesi caldi. Questi batuffoli che avvolgono la pianta vengono lavorati e si ottiene il tessuto di cotone.

Un’altra differenza risiede nella fibra: quella della lana è più lunga pertanto, anche se si accorcia, rimane pura. Quella del cotone è più corta e per mantenere la sua “integrità”, se riciclata, deve essere combinata con altre fibre.

La terza differenza risiede nella funzione: la lana protegge dal freddo mentre il cotone dal caldo ma, come vedremo più avanti, non significa che l’una è indicata per l’inverno e l’altro per l’estate come potrebbe sembrare superficialmente. Al contrario, vedremo come i due tessuti possano essere usati per tutte le stagioni.

Vantaggi del cotone

Il cotone è un tessuto composto per per oltre il 95% da cellulosa, il restante 5% è fatto di umidità e di residui grassi di impurità. Risulta, pertanto, privo di sostanze chimiche. Al tatto è morbido e leggero. Ha una buona capacità assorbente e isolante per questo è un tessuto che viene impiegato in tutte le stagioni: d’estate protegge dal calore mentre d’inverno fornisce un isolamento termico intrappolando l’aria tra le fibre del tessuto. E’ un materiale traspirante che gli consenti di disperdere il calore corporeo. Pertanto in inverno fa sentire meno freddo e d’estate meno caldo. E’ anallergico e resiste alle alte temperature.

Svantaggi del cotone

Rispetto alla lana, il cotone è un tessuto meno elastico, pertanto tende a restringersi già dal primo lavaggio, specie se questo è effettuato ad alte temperature così come tende a ingiallire se stirato a temperature elevate o a sbiadirsi al sole. Con il tempo può sgualcirsi, usurarsi o strapparsi. E’ “sensibile” all’umidità: se viene piegato e riposto prima di essere asciugato bene, può sviluppare delle muffe.

Vantaggi della lana

La lana possiede una fibra molto elastica che la rende resistente agli strappi. Possiede un alto coefficiente termico riuscendo a trattenere molta aria. Una caratteristica che ne fa un buon isolante. D’inverno, infatti, impedisce al calore umano di disperdersi nell’ambiente circostante, mentre d’estate impedisce al calore esterno di venire a contatto con il corpo. Ecco perché, proprio come il cotone, anche la lana può essere impiegata tutto l’anno. La lana, inoltre ha un buon potere assorbente, è resistente all’usura e non sgualcisce. E’ anche un tessuto antiparassitario perché grazie alla sua struttura impedisce la proliferazione di acari e parassiti e non accumula sporco e umido.

Svantaggi della lana

E’ soggetta a infeltrimento che consiste in un restringimento del tessuto dovuto all’attorcigliamento delle fibre superficiali a causa di un lavaggio sbagliato. Con il tempo tende ad ingiallire, fatica ad asciugare e con il tempo può essere attaccata dalle tarme.

Pulizia e cura

Fin qui abbiamo visto quali sono le caratteristiche dei due tessuti. Entrambi hanno pro e contro. Soffermandoci in particolare sul capitolo “svantaggi” notiamo che entrambi i tessuti sono soggetti a usura o danneggiamento per il trascorrere del tempo o per cattivi lavaggi. Si tratta di “difetti” facilmente superabili. Basta infatti adottare le giuste accortezze nel momento della pulizia, dell’asciugatura e della conservazione. Le trapunte di cotone, che sono caratterizzate da una maggior praticità, possono essere lavate in casa a mano in lavatrice mentre ci sono alcuni tipi di trapunte di lana che necessitano esclusivamente del lavaggio a secco e altri che possono essere puliti come quelli di cotone.

Il lavaggio in lavatrice deve avvenire sempre a basse temperature, con il programma per delicati e la centrifuga impostata a bassi giri. L’asciugatura va effettuata all’aria aperta ma non a contatto diretto con il sole per impedire ingiallimenti e preservare i colori. Per qualsiasi tipo di trapunta vanno rispettati i tempi di asciugatura dopo di che il capo può essere piegato e conservato in sacchetti “sottovuoto” aggiungendo, per chi volesse, dei sacchetti profuma biancheria.

Bastano quindi poche accortezze per preservare le nostre trapunte.

Trapunta di lana e trapunta di cotone, chi vince il confronto?

La scelta della trapunta è un fatto molto personale. Non esiste, infatti, un criterio oggettivo per orientare i gusti. Nella scelta del materiale, dovrete tenere in considerazione altri fattori che influiscono nella vostra decisione, quali per esempio l’ambiente in cui andrete a usare la trapunta, se è caldo o freddo o se voi stessi siete più o meno calorosi. Molto dipende anche dalle vostre esigenze: siete dei tipi attenti alla praticità o più “classici”. Tirare le somme e dire quale tra la trapunta di cotone e quella di lana vince il confronto diventa impossibile. In questa guida, però, abbiamo voluto darvi tutte informazioni utili che possano esservi d’aiuto per orientarvi nella scelta della trapunta più adatta a voi. Una volta individuato il tessuto non vi resta che l’imbarazzo della scelta nella selezione della fodera. Il mercato offre prodotti di tutti i tipi e prezzi.

Mi chiamo Monica Di Lecce e sono una giornalista free lance. Sono laureata in giurisprudenza ma la mia passione è sempre stata la scrittura. Mi piace leggere e tenermi informata su tutto. Sono appassionata di fotografia e montaggi video. Adoro tutto ciò che è legato alla cura della casa e alla biancheria.

Back to top
menu
Trapunte e Coperte Termiche