Cosa sono le coperte termiche industriali? Guida utile all’acquisto

Non solo gli esseri umani, ma anche alcuni materiali o materie prime potrebbero avere bisogno di un prodotto che aumenti il calore attorno a loro. E’ per questo che sono state inventate e introdotte nel mercato anche le termocoperte industriali. Di cosa si tratta? Sono una sorta di copertura realizzata in vari materiali e in diverse dimensioni dotata di un termostato interno che consente di regolare appunto la temperatura. Grazie ad un cavo (lungo di solito almeno 1 metro) possono poi essere collegate ad una presa di corrente.

La maggior parte dei modelli, acquistabili sui siti dei produttori e dei rifornitori industriali, sono caratterizzati da flessibilità, bassi consumi, cinghie regolabili e materiali ultra-innovativi e resistenti.

Possono essere utilizzate per vari scopi, come:

  • aumentare la temperatura di un materiale
  • evitare abbassamento di temperatura
  • evitare eventuale formazione di ghiaccio
  • per pre-riscaldare alcune componenti chimiche
  • per riscaldare fusti, serbatoi, cisterne

Le caratteristiche e la potenza

In ambito industriale, procurarsi delle termocoperte risulta essere fondamentale se si vogliono conservare al meglio i prodotti in lavorazione o quelli già finiti oppure, semplicemente, mantenere in buono stato il più a lungo possibile le materie prime.

Le più vendute sono sicuramente quelle per coprire:

  • cisternette
  • fusti
  • tubazioni
  • serbatoi gas

Come caratteristiche abbiamo in primis la resistenza, poi la flessibilità e anche l’affidabilità. E’ importante che siano piuttosto versatili e composte da materiale più elastico possibile in modo da adattarsi al meglio ai singoli oggetti da coprire e proteggere.

Come potenza possiamo dire che è molto variabile e dipenderà anche se la termocoperta in questione è dotata o meno di centralina. Mentre le termocoperte per cisternette possono avere una potenza che va dai 1800 ai 2500 W all’incirca, quella delle termocoperte per fusti dipendono molto dalle dimensioni la cui altezza solitamente è tra i 40 e i 60 cm e il loro diametro sarà molto variabile (dai 30 ai 60 cm). Diciamo che la potenza di questi ultimi va dai 450 ai 1500 W.

Le termocoperte per tubazioni mantengono una potenza di circa 300 W mentre quelle per serbatoi del gas sui 400 W.

Gli elementi e i materiali

Le termocoperte industriali sono composte da materiali tecnici per specifici come fibra di carbonio, tessuti aramidici, siliconi, nylon e poliesteri teflonati. Inoltre sono dotati di cinghie e cavo di alimentazione e, alcuni modelli, anche di centralina elettrica (0-80° C per la versione antigelo e 0-100° C per la versione potenziata).

Possono poi essere facilmente ripiegate e usate più volte. A seconda della ditta che le produce, si potrà richiedere un modello con dimensioni standard oppure personalizzate all’occorrenza.

Possono essere dotate di termostato interno che consente di regolare di volta in volta la temperatura oppure hanno già una temperatura fissa impostata. La scelta di quale modello comprare dipenderà molto dal materiale/sostanza che si vuole proteggere e conservare. Oltre che essere riscaldanti poi sono anche isolanti. Hanno un isolamento di 7 mm che le aiuta a mantenere più a lungo il calore e ad essere resistenti.

Alcune versioni potenziate sono dotate anche di alluminio semi-rigido all’interno. Tutti i modelli in vendita devono avere (ed è bene che controlliate sempre) la certificazione europea contrassegnata dalla sigla CE.

A cosa servono le termocoperte industriali

Come già anticipato, possono avere vari utilizzi. Possono ad esempio mantenere la temperatura costante oppure innalzarla. Ad esempio, per alcuni fusti serve arrivare a temperature elevate come 60°.

Risultano poi molto utili per chi produce vernici o, in generale, materiali liquidi o resine.

Sia durante la fase di lavorazione che di stoccaggio, avere a portata di mano una serie di termocoperte con cui coprire e riscaldare i materiali, sarà di grande aiuto se non addirittura necessario per non vanificare l’intero lavoro e processo.

Il freddo o la formazione di ghiaccio potrebbero rivelarsi fatali per i vostri prodotti. Ma, oltre che per proteggere, le termocoperte industriali possono anche aiutarvi ad accelerare alcuni processi di produzione.

Dunque hanno una loro utilità in vari ambiti come quello industriale ed edile, in particolar modo. Grazie ai materiali di cui sono composti e alla chiusura in velcro, sono davvero adattabili ad avvolgere molti oggetti di varie forme.

Costi e dove comprarle

Essendo prodotti specifici e ad uso appunto professionale e industriale, vi consigliamo di scegliere le termocoperte su siti delle aziende produttrici e specializzate in fornitura per aziende e fabbriche. Ad esempio Rimatek, Warmit, Art-Eco.

Come costi si va da un minimo di 500 euro ad unità fino ad arrivare anche a 2000 euro. Il prezzo dipenderà molto anche in base ai quantitativi che si ordineranno e se si opta con modelli con centralina o senza.

Dipenderà anche se volete una termocoperta con misure standard o personalizzate.

Le sostanze che si possono riscaldare

Le termocoperte per fusti (che possono essere da 25, 50, 100 e 200 litri) sono adatte a mantenere alta la temperatura (fino a 90° C) di sostanze come:

  • liquidi (olio)
  • fluidi (vernici, resine)
  • gas (tranne ovviamente i gas combustibili)

Le termocoperte possono aiutare a far sciogliere determinate sostanze o variare la viscosità di altre. Oppure proteggere liquidi dal pericolo di congelamento o i gas dalla liquefazione.

Grazie ai resistori in fibra di carbonio e a materiali flessibili e resistenti, le sostanze saranno davvero al sicuro all’interno dei loro contenitori rivestiti.

La coibentazione

Parlando delle termocoperte industriali, non possiamo non soffermarci sullo spiegare cos’è la coibentazione, in quanto è una parola che ricorre spesso nella loro scheda tecnica.

La coibentazione, solitamente in feltro ignifugo a doppio strato, è un sistema per isolare termicamente un oggetto andando a frapporre tra le sue parti dei materiali (come appunto dei pannelli in feltro) che vadano a evitare lo scambio di calore o di vibrazioni.

Termocoperte per cisternette

Sono utilizzate soprattutto nel periodo invernale o per pre-riscaldare sostanze che hanno temperatura diversa da quella dell’ambiente circostante. Si dividono in versione anti-gelo e in quella potenziata che può arrivare anche a 100°C. Utilissime per conservare le temperature di liquidi e resine.

Termocoperta per serbatoi

E’ la tipologia più diffusa e venduta in quanto ha più versatilità di utilizzo. Può essere usata in vari settori, dunque.

Può arrivare a riscaldare massimo a 90° C sostanze contenute in serbatoi in metallo o anche in plastica. Riguardo alle sostanze, possono essere oggetto di riscaldamento:

  • olio
  • composti chimici
  • vernici
  • colle
  • resine
  • gas

Termocoperte per tubazioni

Sono caratterizzate dall’essere modulari e si possono applicare su tubi il cui diametro può variare dai 35 agli 80 mm. Possono raggiungere una lunghezza di 30 cm e si possono collegare tra loro tramite connettori posti alle estremità.

Camere calde e pedane: soluzioni alternative alle termocoperte

Oltre le termocoperte, è possibile acquistare in maniera alternativa o anche assieme a loro, le pedane riscaldanti che sono un modo per tenere al caldo i serbatoi, andandole a posizionare sotto di loro, oppure le camere calde.

Riguardo le pedane riscaldanti, tramite il collegamento ad una centralina, si potrà generare calore in modo da riscaldare l’oggetto postovi sopra. Di solito si utilizzano quando non si ha bisogno di calore per molto tempo o a temperature elevate o, semplicemente, si vuole consumare poco. Hanno un costo che va dai 30 ai 200 euro e si possono facilmente acquistare online.

Le camere calde invece sono una sorta di box che può contenere anche più cisternette o fusti. In poche parole si tratta di una pedana riscaldante con con un telaio termico che l’avvolge. La temperatura interna viene poi regolata grazie ad una centralina elettrica. In alcuni casi il telaio è realizzato proprio in acciaio, in modo da fornire la massima stabilità e protezione.

Mi chiamo Roberta ed ho una grande passione per la scrittura. Ho studiato cinema e svolgo varie collaborazioni con realtà audiovisive. Sono curiosa e mi piace affrontare ogni argomento raccontandolo con semplicità e entusiasmo. Mi appassionano il mondo della tecnologia, della natura e quello della casa.

Back to top
menu
Trapunte e Coperte Termiche